Cerco una Baby Sitter: come fare?

I genitori amano i loro figli, ma può succedere che non possano avere il tempo di stare con loro. Questo può accadere per motivi di lavoro o per impegni che non possono essere gestiti con i figli a seguito. Più semplicemente i genitori potrebbero anche ricercare uno spazio solo per loro o una “pausa” di tanto in tanto.

Il primo problema che si pone è quando dobbiamo affidare i nostri bambini ad una baby sitter, ci possiamo fidare ?

Laddove non siano familiari disponibili o altre persone di fiducia a cui lasciare i bambini, è necessario cercare delle figure professionali come la baby sitter o una assistente all'infanzia. Sebbene in genere, si ricorra alla tata per le serate, i fine settimana, i compiti o quando il piccolo è malato, aumentano sempre più le mamme lavoratrici che necessitano di baby sitter durante tutta la settimana o per buona parte di essa. Non è inoltre infrequente il caso di mamme che si rivolgono alle baby sitter non solo quando sono al lavoro o in giro per commissioni, ma anche per affiancarle quando sono in casa, magari occupate in altre faccende. In questi ultimi tempi, infine, si sta imponendo la figura della baby sitter madrelingua inglese (tata nanny), per promuovere il bilinguismo dall’età dell’infanzia.

Cercate una baby sitter quindi? In questa piccola introduzione inizieremo a tracciare i punti fondamentali per questa ricerca.

Anzitutto chi può essere una vera Baby Sitter ?

Per fare la baby sitter è necessario essere portate per la cura dei bambini, essere responsabili e avere sufficiente maturità, avere un aspetto curato, pulito e ordinato, essere dotate di infinita pazienza e senso pratico, molta energia mentale e fisica.

L'esperienza mostra che per essere una buona baby sitter non è sufficiente una generica passione o una predisposizione naturale. Sempre più sono richieste competenze specifiche e formazione specialistica: l'educatrice sta quindi diventando una vera e propria professione. Corsi di laurea, formazione specifica, competenze professionali, conoscenza delle lingue.

Per aver cura dei bambini l'istinto non è sufficiente.

La seconda domanda è: “come facciamo a trovare una baby sitter che soddisfi questi requisiti?

La ricerca può avvenire per conoscenze o in base ai riscontri di altre mamme oppure sfruttando il web. Ne parliamo nei dettagli in questo articolo

Un altro punto importante è la retribuzione (da entrambe le parti, sia per il genitore che deve calcolare questa spesa, sia per la persona che vuole impegnarsi in questa professione)

Le baby sitter sono solitamente retribuite ad ora o con un forfait mensile, se l’impegno è costante. E' difficile fornire indicazioni precise sui costi medi, in quanto possono variare a seconda delle zone, dell'esperienza e delle funzioni richieste. Ad esempio se è richiesto di aiutare nei compiti o di insegnare le lingue, la tariffa può cambiare sensibilmente. D'altro canto una baby sitter con buone referenze e prolungata esperienza può permettersi tariffe maggiori rispetto ad una studentessa alle prime armi. Le tariffe quindi possono variare dai 5 euro/ora fino anche a 20 euro/ora e oltre.

In merito a questo argomento vi invitiamo a visionare la pagina " Calcolare la retribuzione della professionista baby sitter "

Questi sono i primi spunti per iniziare la ricerca di quella figura professionale che affiancherà i nostri piccoli nei loro primi anni di vita e alla quale affideremo una grande responsabilità: la cura e la crescita dei nostri figli.

Potete anche condividere con ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on Pinterest

Nessun commento ancora

Lascia un commento